Hi! Welcome...

Paolo Gurisatti Industrial Economist, Entrepreneur and Local Development Agent. Since 1979 he has been concerned with the following topics: Small Business (SMEs competitiveness at an industrial scale) Industrial Districts and Clusters (competitiveness of localised networks of SMEs and development of new market systems) Local Development (constituency as the result of a cognitive game, involving different agents at the local level - territory productivity, sustainability and "productive" identity) Innovation (Social Construction of Technology by the means of public policies, innovative networking and generative relationships).

30 settembre 2016 ~ 0 Comments

Il governo di emergenza (Renzi) e la memoria corta degli italiani

Manovra di bilancio, accordo sulle pensioni e referendum. Cosa hanno in comune queste tre azioni di governo? Per capirlo dobbiamo tornare all’origine del governo Renzi: il quasi default dell’economia italiana nel 2011 e la memoria corta della maggioranza del paese. Un popolo di vecchietti stremati, che passano il cerino ai nipotini. Nel 2011 abbiamo rischiato […]

23 settembre 2016 ~ 0 Comments

Una resa senza condizioni

L’Italia non cresce, oggi, perché non si fanno investimenti e non si guarda al futuro. Il ministro Calenda indica la strada dell’Industria digitale (4.0) e riceve il plauso degli operatori economici, soprattutto per gli strumenti che mette in campo: sgravi fiscali a chi investe su tecnologie che aumentano il contenuto di conoscenza e la produttività […]

01 settembre 2016 ~ 0 Comments

Roma, i 5 Stelle e la forza del cittadino “standard”

La vicenda dei 5 Stelle al governo di Roma è emblematica di contraddizioni che sono proprie di una cultura politica naïve, dilagante nel paese. La prima di queste contraddizioni nasce dall’idea che i politici eletti siano in grado di utilizzare le strutture amministrative come strumento di implementazione di un programma concordato con la base elettorale. […]

23 agosto 2016 ~ 0 Comments

Dove nascono le idee che fanno storia e su quali gambe camminano

Consiglio di guerra a bordo di una portaerei. La Merkel non ha la mantellina sulle spalle, come Roosevelt a Yalta, ma il clima di preoccupazione e di tensione per il futuro c’è tutto nelle immagini diffuse dai media. Così come la speranza che il meeting di Ventotene possa rappresentare una svolta per l’intera Europa, per […]

20 agosto 2016 ~ 0 Comments

Manca un strategia per l’economia italiana. Calenda propone un paio di idee

Si apre il dibattito sulla strategia del governo Renzi per la prossima fase dell’economia italiana. Oggi su Repubblica, il Ministro Carlo Calenda propone la propria visione. Forse è un caso, ma le sue parole rispondono, in parte, alle mie sollecitazioni di oggi sul Giornale di Vicenza. Vedremo nelle prossime settimane se il dibattito prenderà quota e […]

09 agosto 2016 ~ 0 Comments

Il fascino discreto dei neri alle Olimpiadi

Non ha detto una parola. Non ha mosso un sopracciglio. Si è toccata il labbro dolorante, dopo il colpo ricevuto, senza commenti. Ne ha subite altre di umiliazioni, di sberle. Alla fine del match, dopo gli inchini di rito, è corsa tra le braccia dell’allenatore come una bambina di quattro anni nelle braccia del suo […]

09 agosto 2016 ~ 0 Comments

Il Veneto e la sua “classe dirigente”

Da qualche tempo si è finalmente aperto anche in Veneto un dibattito serio sulla crisi della classe dirigente regionale. La buona notizia è che anche gli imprenditori cominciano a riflettere sui propri errori, a partire dal disastro delle Banche popolari. La cattiva notizia è che il dibattito è ancora focalizzato sulle responsabilità individuali invece che […]

28 luglio 2016 ~ 0 Comments

Abbiamo un piano?

Il Piano B è già pronto. Fa parte del nostro patrimonio storico e culturale, europeo, balcanico. Chiudere le frontiere, escludere tutti quelli che non appartengono alle comunità conosciute, con i reticolati e con le armi. E’ una risposta semplice, che appare realistica e rapidamente praticabile. Perché la lingua, il colore della pelle, l’abbigliamento, i comportamenti […]

12 luglio 2016 ~ 0 Comments

Sempre sulla Brexit (due settimane più tardi)

A due settimane dallo shock prodotto in Europa dalla Brexit, l’immaginario collettivo è cambiato, a tutti i livelli. Prima i movimenti anti-europei e secessionisti erano visti con benevolenza, con simpatia, dalla Spagna di Podemos, alla Grecia di Tsipras, alla Scozia di Salmond. Oggi il vento spira in direzione opposta. Se Bruxelles non funziona, questo non […]

25 giugno 2016 ~ 0 Comments

Un paio di lezioni dalla Brexit

Lo psicodramma collettivo della Brexit ci consegna due lezioni importanti. Nel mondo globalizzato è illusorio pensare che i panni sporchi si lavino in famiglia. Gli inglesi “anziani e nazionalisti” hanno deciso di uscire dalla UE in base a ragionamenti e contrasti interni, ma gli effetti della loro decisione si sono scaricati subito su milioni di […]