18 Ottobre 2019 ~ 0 Comments

Manovra 2019. Una ridda di provvedimenti senza sviluppo

Il dibattito sulla manovra si chiude in un clima di grande confusione. La ridda di provvedimenti approvati, gli arzigogoli applicativi, il peso irrisorio e probabilistico di alcune voci di spesa e di entrata, rendono oggettivamente difficile valutare l’impatto effettivo della legge di bilancio. Nei prossimi mesi il governo dirà in quale direzione vuole portare il […]

Continue Reading

03 Ottobre 2019 ~ 0 Comments

Anomalia Italiana

Siamo diventati un paese rassegnato a un declino dignitoso. Questa è l’anomalia italiana nel nuovo millennio. Un’anomalia che spiega il basso tasso di produttività, il basso tasso di natalità, la fuga dei cervelli e la mancanza di partiti e di governi in grado di ambire a strategie di crescita, di investimento e di rinnovamento strutturale […]

Continue Reading

26 Settembre 2019 ~ 0 Comments

Narrazioni e modello di sviluppo a Nordest

In questi giorni sui media si scontrano opposte visioni del mondo e della sostenibilità. Da un lato i “gretini” neo-comunisti della decrescita felice, che vedono fratture e inquinamento a ogni piè sospinto. Dall’altro i “toni sugaman” sdraiati in difesa del modello consumistico tradizionale, che vedono proprio nei movimenti ambientalisti i nemici della civiltà occidentale. Queste […]

Continue Reading

03 Settembre 2019 ~ 0 Comments

La vera discontinuità

Ci sarà discontinuità tra Conte 1.0 e Conte 2.0? Dal negoziato in corso non emergono certezze. Anzi. Le aspettative sono elevate e i protagonisti non sembrano essere all’altezza. Da una parte filosofi come Cacciari auspicano un cambio di prospettiva culturale, sia attraverso l’introduzione di ministri competenti, sia attraverso il rovesciamento dei valori dominanti nel Conte […]

Continue Reading

27 Agosto 2019 ~ 0 Comments

Appunti sulla crisi di governo

(10 agosto 2019) Non avevano fatto in tempo a tirare giù la serranda, indossare le pinne, afferrare la borsa da spiaggia e l’ombrellone, e già devono rinunciare alle ferie e tornare indietro a lavorare. Davvero non c’è mestiere più faticoso, in Italia, di quello del sondaggista-curatore di campagne elettorali. Non è mai finita! D’altra parte […]

Continue Reading

06 Agosto 2019 ~ 0 Comments

Il ruolo dei navigator

Uno zoppo e un cieco possono mettere assieme le proprie speranze, ma non fanno molta strada assieme. Con tutto il rispetto dovuto agli zoppi e ai ciechi, chiamati in causa in questo editoriale soltanto in via metaforica, perché protagonisti di strutture narrative, quadri artistici e icone radicate nella cultura popolare italiana. Una cultura fatta di […]

Continue Reading

17 Luglio 2019 ~ 1 Comment

La cultura dell’autonomia

Il confronto sull’autonomia differenziata, nuova frontiera del pensiero federalista italiano, diventa più aspro e sollecita una riflessione “seria” sulle basi culturali e sociali, più che politiche, della contesa. I veneti sono spinti a condividere, più di altri “popoli regione”, il tema dell’autonomia (non saprei dire cosa frulla nella testa dei lombardi o degli emiliani o […]

Continue Reading

02 Giugno 2019 ~ 0 Comments

Calenda e il Nordest

I risultati della consultazione elettorale, incrociati con i problemi economici del paese, potrebbero agevolare la nascita di un laboratorio interessante a Nordest. Condizione, sine qua non, è che i leader e i governatori delle regioni che appartengono a questa circoscrizione/regione elettorale, europea, si parlino. Vado dritto al sodo del mio ragionamento. Il paese è allo […]

Continue Reading

17 Maggio 2019 ~ 0 Comments

Spread

Lo spread torna a salire improvvisamente in vista della campagna elettorale. E’ già successo durante la fase di costituzione del governo e poi durante la discussione sulla finanziaria. I mercati scommettono contro l’Italia e si sono portati a casa uno spread di 250 punti nel 2018, senza tirare troppo la corda, e tornano alla carica […]

Continue Reading

14 Maggio 2019 ~ 0 Comments

La nuova casta del popolo contro l’elite

La proposta di legge sul conflitto di interessi, avanzata da Luigi Di Maio negli ultimi giorni, è il logico suggello del contratto di governo populista. Dov’è la novità? La proposta prevede la separazione netta tra due carriere: quella “lavorativa” (imprenditori, giornalisti, accademici, insegnanti, funzionari pubblici) e quella “politica” (rappresentanti del popolo, se possibile analfabeti e […]

Continue Reading